best html templates

PROGRAMMA

NOVEMBRE 2019

Laboratorio: Scrivere al largo. Laboratorio di scrittura creativa.
Dove: Edicola di Largo Pannonia 
Quando: 22 novembre ore 15-17 -- 24 novembre ore 11-13
Come: partecipazione gratuita inviando mail a info@creaturefestival.it
A cura di: Carola Susani


Un laboratorio dedicato alla scoperta del territorio, all'osservazione e alla scrittura narrativa. Cosa accade in uno spazio cittadino, cosa si incontra? Chi? Nel primo pomeriggio ci dedicheremo alle letture e all'esplorazione, nel corso del secondo pomeriggio scriveremo, leggeremo e discuteremo dei risultati. Ci accompagneranno le letture di autori del Novecento e di autori contemporanei, da Morante a Pasolini, da Sandro Onofri a Sandro Veronesi.  

Esplorazione urbana/letteraria: Parole tra i banchi, parole per strada.
Dove: via Mondovì 16
Quando: ore 11
A cura di: Paola Ricciardi con Sara Armentano
Prenota qui https://www.eventbrite.it/e/biglietti-esplorazione-urbanaletteraria-parole-tra-i-banchi-parole-per-strada-80849544163


La scuola è forse uno dei luoghi per eccellenza deputato al buon uso delle parole. Per trasmettere conoscenza, nozioni e concetti, ma anche e soprattutto per educare gli studenti al futuro dialogo che dovranno avere con il mondo. In una passeggiata tra architettura e letteratura, racconteremo la storia della scuola Giuseppe Garibaldi, opera dell’architetto Vincenzo Fasolo, e dell’istituto Alessandro Manzoni, progettato da Ignazio Guidi, realizzati a pochi anni di distanza ma con idee e linguaggi molto diversi tra loro. Il tour si concluderà all’installazione dell’edicola di Largo Pannonia, e ogni tappa della passeggiata sarà arricchita dalla lettura di brani legati al mondo della scuola. 

Talk: Ibrido. Dialogo con Veronica Raimo e Marco Rossari a partire da Le bambinacce
Dove: Edicola di Largo Pannonia
Quando: ore 15
Come: partecipazione gratuita


In questo canzoniere ironico-erotico, che gioca con limmaginario delle filastrocche – Prévert incontra Rodari che incontra Tim Burton –, incontriamo una moltitudine sfaccettata di ritratti di una femminilità forte, vitale e complessa, sicura di sé, irriverente alle norme sociali e disinibita.
Attraverso la leggerezza del dettato e la sua qualità letteraria, Raimo e Rossari mettono a segno un’intelligente, felice, provocazione culturale. E scrivono a quattro mani un’opera che mescola il piacere, il desiderio, la malinconia, la curiosità, raccontando così l’amore, ma anche l’incertezza, l’autolesionismo, l’omosessualità, il travestitismo, la promiscuità, i filmini messi in rete a rovinare le ragazze e perfino il metafisico. Tutto fatato e stravolto, ma pure godibile e comico.  


Esplorazione urbana/letteraria: Emergenze. Storie che riaffiorano.
Dove: Piazzale Numa Pompilio angolo Viale Claudio Marcello
Quando: Domenica 24 ore 11
A cura di: Paola Ricciardi
Prenota qui https://www.eventbrite.it/e/biglietti-esplorazione-urbanaletteraria-emergenze-storie-che-riaffiorano-80852111843


Accanto alla Roma che quotidianamente viviamo, o forse sarebbe meglio dire al di sotto della Roma che quotidianamente viviamo, esiste un’altra città. Una città addormentata da tempo, che però ogni tanto si risveglia e, stiracchiandosi, ri-emerge dal torpore del passato. Per riportare alla luce luoghi e storie d’altri tempi, sveleremo le numerose tracce di domus, sepolcri e colombari che affiorano tra le Mura, la via di Porta Latina e la via di Porta San Sebastiano. 

Laboratorio per bambini: Il gioco di nomi cose città. Laboratorio per bambini dai 6 ai 10 anni.
Dove: Edicola di Largo Pannonia
Quando: ore 17 
A cura di: Materia 28

Prenota qui https://www.eventbrite.it/e/biglietti-laboratorio-per-bambini-dai-6-ai-10-anni-il-gioco-di-nomi-cose-citta-80853349545

Il laboratorio interpreta la parola Frontiera come viaggio da un mondo all’altro, da un vivere ad un altro, da una città all’altra che comporta un nuovo modo di costruire e nuove architetture. La frontiera sarà fisicamente un supporto (un fiume di carta, una distesa di stoffa ecc…) sul quale i bambini costruiranno un luogo ideale del vivere condiviso e partecipato, come un nuovo spazio di scambio culturale e come un nuovo modello di ‘città’. Obiettivo è la realizzazione di un grande collage dinamico sul quale vivranno le parole scelte dai partecipanti al laboratorio e che rappresenterà la nostra narrazione finale. 

Esplorazione urbana/letteraria: Frontiere. Le Mura Aureliane e il Pomerium.
Dove: Piazzale Metronio sotto al cartello stradale
Quando: ore 10:30
A cura di: Rosario Pavia e Comitato Mura Latine.
Prenota qui
 https://www.eventbrite.it/e/biglietti-esplorazione-urbanaletteraria-frontiere-le-mura-aureliane-e-il-pomerium-80854799883

Ragionando sul concetto di frontiera, le possenti mura della Roma antica ci saltano alla mente come archetipo per eccellenza. Ma quando un semplice solco tracciato con l’aratro diventa molto più potente di qualsiasi fortificazione, ecco che quella frontiera assume significati nuovi e molteplici. Ecco che l’identità di un’intera città non è rappresentata da un confine fisico ma da un tracciato sacro ed intoccabile: un vero e proprio monumento invisibile. A partire dalla Porta Metronia, percorreremo il tratto del Parco Integrato delle Mura Aureliane, parte di un ampio progetto urbanistico di riqualificazione, per provare a scoprire quante accezioni può avere un confine.

Talk: Dialogo con Annalisa Camilli e Elvira Mujcic a partire da La legge del mare e Consigli per essere un bravo immigrato.
Dove: Edicola di Largo Pannonia
Quando: ore 12
Come: partecipazione gratuita

Annalisa Camilli è giornalista di “Internazionale” dal 2007. Ha lavorato per l’Associated Press e per RaiNews24. Nel 2017 ha vinto l’Anna Lindh Mediterranean Journalist Award per l’inchiesta La barca senza nome. Dal 2014 segue i migranti in viaggio per e attraverso l’Europa, raccontando le loro storie. Con il suo ultimo lavoro “La legge del mare - cronache dei soccorsi nel Mediterraneo” racconta la caduta degli angeli del mare, la loro messa sotto accusa, l'origine della propaganda contro le Ong che contamina l'informazione in rete e il dibattito pubblico.

Talk: Dialogo con Vera Gheno. Parole e social network.
Dove: Edicola di Largo Pannonia
Quando: ore 15
Come: partecipazione gratuita

"Ognuno di noi è le parole che sceglie: conoscerne il significato saperle usare nel modo giusto e al momento giusto ci dà un potere enorme, forse il più grande di tutti". "Potere alle parole. Perché usarle meglio" è l’ultimo libro della sociolinguista Vera Gheno, ex social media manager per l’Accademia della Crusca e oggi per Zanichelli. Da vent’anni Vera Gheno studia cosa succede alla lingua e alla società nella commistione tra vita online e offline. Dalla lingua di wikipedia a quella dei social network, i suoi libri sono un contributo all'ecologia linguistica dei mezzi di comunicazione elettronici, la cui vivibilità è responsabilità di tutti gli utenti. 


IN-FOLIO
Dove: Edicola di Largo Pannonia, Edicola di Piazza Lugo, Edicola di Largo Vercelli 
A cura di: Etaoin Shrdlu Studio

La parola scritta è silenziosa ma imperturbabile, coraggiosa nell’affermare il suo significato e, se polisemica, sincera. Il progetto In-folio mette insieme l’esperimento artistico con quello tipografico e letterario immaginando la graficizzazione delle tre parole filo conduttore del Festival, stampate ciascuna su un pieghevole in-folio con carta dalla grammatura molto leggera e in un formato grande tanto da ricordare la fisionomia del quotidiano, pubblicazione simbolo in un’edicola. Utilizzando l’aspetto materico legato alla stampa, carta e inchiostro, In-folio lavora sul concetto di foglio come frontiera fisica per tentare di spiegare graficamente le parole scelte. Ciascuna edicola sarà affidataria di una parola un In-folio e si occuperà della distribuzione del relativo foglio. Attraverso l’esplorazione delle tre edicole, le persone potranno comporre il giornale formato dai tre pieghevoli. 

DICEMBRE 2019

Esplorazione urbana/letteraria: Ibrido. Cocktail di linguaggi tra Via Magna Grecia e Via Taranto
Dove: Via Taranto 16
Quando: ore 10:30
A cura di: Letizia Sacchi

Prenota qui https://www.eventbrite.it/e/biglietti-esplorazione-urbanaletteraria-ibrido-cocktail-di-linguaggi-80856153933 

Le architetture del ‘900 del quartiere San Giovanni - private, pubbliche, imponenti e minute - parlano tanti linguaggi che, mescolandosi lungo le quinte stradali, danno vita ad un ricco e vivace tessuto urbano. Per cercare di decifrarli e capire che cosa, con i loro segni di pietra e cemento, ci vogliono raccontare, partiremo dal linguaggio ornamentale del barocchetto romano, faremo poi un salto fino agli anni Cinquanta, ammirando le sperimentazioni di Riccardo Morandi, con il noto Mercato Metronio, e di Angelo Di Castro, con la sua affascinante palazzina in Via Magna Grecia. Torneremo infine indietro alla metà degli anni Trenta e alle linee rigorose ed essenziali del Palazzo delle Poste di Via Taranto disegnato da Giuseppe Samonà. 

Talk: Ibrido. Dialogo con Viola Lo Moro e Viola Di Grado a partire da Fuoco al Cielo
Dove: Edicola di Largo Pannonia
Quando: ore 11
Come: partecipazione gratuita

Vincitrice del Premio Campiello per la sua opera prima e finalista al Premio Strega, Viola Di Grado ci introdurrà al suo mondo letterario, ibrido e molteplice dove si cerca di “dimenticare” il linguaggio, perché “Il linguaggio è una trappola per pesci, quando hai preso i pesci”. 

Spazio alle Parole. L’evento.
Dove: Edicola di Largo Pannonia
Quando: ore 12
Come: partecipazione gratuita
A cura di: Open City Roma

Presso l’Edicola di Largo Pannonia, “Spazio alle parole. L’evento” è la festa conclusiva di Creature 2019. L’evento conclude il festival con un dibattito sul linguaggio e sulla creatività come strumento di rigenerazione urbana, con l’assegnazione del Premio Creature 2019.

Talk: Dialogo con Giorgia Serughetti e Cecilia D'Elia a partire da Libere tutte.
Dove: Edicola di Largo Pannonia
Quando: ore 15
Come: partecipazione gratuita


Le autrici di “Libere tutte - dall'aborto al velo, donne nel nuovo millennio” rilanciano il tema dell’emergenza legandolo alla necessità di un nuovo femminismo che contrasti l’avanzata della violenza di genere che si sta diffondendo nel mondo. 


IN-FOLIO
Dove: Edicola di Largo Pannonia, Edicola di Piazza Lugo, Edicola di Edicola di Largo Vercelli
A cura di: Etaoin Shrdlu Studio


La parola scritta è silenziosa ma imperturbabile, coraggiosa nell’affermare il suo significato e, se polisemica, sincera. Il progetto In-folio mette insieme l’esperimento artistico con quello tipografico e letterario immaginando la graficizzazione delle tre parole filo conduttore del Festival, stampate ciascuna su un pieghevole in-folio con carta dalla grammatura molto leggera e in un formato grande tanto da ricordare la fisionomia del quotidiano, pubblicazione simbolo in un’edicola. Utilizzando l’aspetto materico legato alla stampa, carta e inchiostro, In-folio lavora sul concetto di foglio come frontiera fisica per tentare di spiegare graficamente le parole scelte. Ciascuna edicola sarà affidataria di una parola un In-folio e si occuperà della distribuzione del relativo foglio. Attraverso l’esplorazione delle tre edicole, le persone potranno comporre il giornale formato dai tre pieghevoli.